Mi chiamo Monia Rossi ho 39 anni e dalla prima infanzia soffrivo di una miopia elevata che mi ha reso dipendente dall’uso di occhiali e lenti a contatto. Fino alla primavera 2010 non avevo mai accusato questo handicap in maniera forte in quanto con l’utilizzo delle lenti a contatto la visuale era ottima e il difetto fisico era gestibile nella maggior parte delle mie attività.
Nel momento in cui non sono più riuscita a tollerare le LAC ed ho dovuto adottare gli occhiali mi sono sentita una vera e propria invalida, limitata gravemente nelle mie attività sociali e sportive.

Tutti i giorni la frustrazione aumentava nel realizzare quanto male vedessi rispetto al passato (visuale ristretta, dimensione degli oggetti rimpicciolita) , soprattutto al lavoro (sono impiegata) dove faticavo veramente molto.
E’ stato in questo frangente che ho iniziato a pensare seriamente all’idea dell’intervento per la correzione del difetto visivo.
Sono stata operata dal Dr. Vanzini il 18/11/2010 e dopo un paio di settimane la mia vita è radicalmente cambiata in modo migliorativo.
Mi sveglio al mattino con la consapevolezza di poter fare ciò che devo o posso senza alcuna dipendenza fisica dall’uso di lenti, riesco ad espletare tutte le mie attività senza dover pensare se ciò sia compatibile con l’uso dei supporti visivi, insomma mi sento libera da un handicap che per me era diventato veramente invalidante.
Il mio pensiero è che con l’intervento agli occhi ho riconquistato una libertà di azione che mi vedevo negata da tanti anni ed una sfera legata alla psiche assolutamente nuova per me: è cambiato il mio modo di interfacciarmi con gli altri, ho acquisito la consapevolezza di poter cogliere le stesse opportunità in quanto non più frenata da alcun difetto, è aumentato il mio buonumore (sentirsi frustrati o limitati è davvero una brutta sensazione!!!).
Spendo le ultime parole per elogiare la professionalità del Dr. Vanzini che si è mostrato un medico assolutamente preparatissimo, scrupoloso e preciso nelle sue diagnosi e mi ha seguita e guidata, nel decorso pre e post operatorio, con grande disponibilità.

Monia Rossi