Cosa é Ambliopia?

Per ambliopia o “occhio pigro” si intende un deficit della visione in cui non sono dimostrabili alterazioni delle strutture oculari, può interessare uno o entrambi gli occhi e insorge nei primi anni di vita. L’occhio pigro è quindi anatomicamente normale ma non è capace di vedere bene nonostante la giusta correzione con occhiali.

Quali le cause dell'Ambliopia?

Nella maggioranza dei casi è dovuta al mancato uso di uno dei due occhi durante le fasi di sviluppo e consolidamento del sistema visivo, cioè dalla nascita fino a circa otto anni ed è di norma dipendente da un difetto visivo (miopia, astigmatismo o ipermetropia) non corretto e diverso nei due occhi o da uno strabismo. L’ambliopia (occhio pigro) si verifica perché il cervello, per evitare una visione confusa o doppia, ignora i segnali sfuocati che giungono dall’occhio più debole, impedendo così lo sviluppo completo della visione.

Significato

La parola ambliopia deriva dal greco ed è composta da due parole il cui significato è vista debole.

Prevenzione

E’ importante riconoscere e curare l’ambliopia nei bambini molto piccoli, da 3 a 5 anni, perché da adulti il recupero visivo, quando possibile, è molto limitato. La visita oculistica può evidenziare l’ambliopia (occhio pigro) quando, pur essendo sano, la vista è scarsa e non migliorabile con lenti.

Laser Agopuntura Occhio Pigro per Bambini Dr. Marzio Vanzini Bologna

Terapia

Dopo l’eventuale correzione ottica di un difetto visivo o di uno strabismo per recuperare la capacità visiva dell’occhio pigro sarà necessario, per molte ore al giorno e diversi mesi, ridurre la vista dell’occhio migliore con occlusione o filtri posti sulle lenti. L’agopuntura con luce laser a bassissima potenza e indolore su punti della pelle (non sugli occhi!) Si è dimostrata efficace nella cura dell’ambliopia (occhio pigro) nei bambini. Negli adulti il recupero visivo, con tecniche di “allenamento visivo” di solito non supera i 2/10.

Quali conseguenze ha?

Alla nascita la vista è scarsa ma cresce rapidamente durante i primi mesi di vita, che sono i più importanti per il normale sviluppo della funzione motoria e sensoriale degli occhi del bambino, e così il bambino inizia a vedere. Una volta acquisita la capacità visiva non è stabile ma lo diventerà solo dopo gli 8-10 anni di età. Se l’immagine che proviene da un occhio è sfuocata, il cervello imparerà a scartarla per non creare confusione nella visione binoculare, causando quindi l’ambliopia. In seguito solo se l’immagine sarà messa a fuoco in tempo relativamente breve il cervello la riprenderà in considerazione, altrimenti per tutta la vita l’immagine dell’occhio ambliope sarà scartata e l’occhio stesso manterrà un’acuità visiva inferiore alla norma pur con la correzione ottica adeguata. Al contrario, se la medesima causa di ambliopia colpisce un sistema visivo già maturo, concluso quindi il periodo di plasticità, non si verificheranno alterazioni funzionali apprezzabili.

Come si previene?

La diagnosi dell’ambliopia (occhio pigro) viene posta con la visita oculistica che rileva una insufficienza visiva, in un occhio sano, non migliorabile con lenti.

Poiché l’ambliopia è curabile solo in età precoce e i suoi effetti permangono per tutta la vita, la diagnosi ed il trattamento tempestivi sono indispensabili per lo sviluppo della visione. Per prevenire efficacemente l’ambliopia è importante quindi eseguire una visita oculistica completa a 3 e a 5 anni. È indicata invece una visita più precoce, anche nel primo anno di vita, nel caso in cui si sospettino patologie oculari, strabismo o evidenti difetti visivi.

Quale terapia per l'Ambliopia

La terapia va iniziata prima possibile perché è più efficace solo nei bambini piccoli, dai 3 agli 8 anni. Consiste nella rimozione degli ostacoli che hanno impedito la completa maturazione della visione e nel favorire il maggiore utilizzo dell’ambliopia (occhio pigro). Quindi andranno corretti tempestivamente i difetti visivi con occhiali o lenti a contatto (soprattutto nei casi di forti differenze tra i due occhi) o curato, prima possibile, l’eventuale strabismo. Inoltre per il recupero dell’occhio ambliope sarà necessario ridurre la visione (penalizzare) l’occhio normale con filtri od occlusione per diverse ore al giorno e per molti mesi secondo le indicazioni dell’oculista. L’agopuntura con luce laser su punti della pelle (non sugli occhi!) Si è dimostrata efficace per la cura dell’occhio pigro dei bambini. Negli adulti, con tecniche di “allenamento visivo”, la cui indicazione è da valutare sempre prima, è possibile un recupero solo parziale.

Come si cura l'Ambliopia

La terapia è tanto più efficace quanto più è precoce e consiste nella rimozione degli ostacoli che hanno impedito la completa maturazione della visione e nel favorire il maggiore utilizzo dell’occhio ambliope. Quindi andranno corretti tempestivamente i difetti visivi con occhiali o lenti a contatto (soprattutto nei casi di forti differenze tra i due occhi) o curate le patologie che hanno determinato l’ambliopia.

Un recupero visivo rapido e totale è più probabile quando è iniziato  nei primi 3-4 anni di età. Minori risultati si possono avere dopo i 7 anni, e generalmente oltre i 10-12 anni è possibile ma difficile ottenere un recupero visivo soddisfacente. Negli adulti il recupero visivo è limitato di solito a 2/10. 

Per ogni terapia utilizzata esistono fattori che influenzano il successo del trattamento: profondità dell’ambliopia, età del paziente, aderenza alla terapia prescritta.

Il metodo più efficace per il trattamento dell’ambliopia è l’occlusione totale dell’occhio dominante (in almeno il 60-80% delle ore di veglia), effettuata applicando una benda adesiva al contorno dell’orbita. Si esegue coprendo l’occhio sano al fine di stimolare quello ambliope o alternando i due occhi per l’ambliopia bilaterale. E’ una terapia efficace che va protratta per molti mesi, finché non è stato raggiunto il recupero visivo massimo possibile. Di solito l’occlusione protratta dell’occhio migliore è poco tollerata dai piccoli pazienti e dai loro genitori ma se non viene praticata correttamente rende inutile la terapia.In alternativa è possibile anche penalizzare parzialmente l’occhio migliore, mediante l’apposizione di filtri, meno efficaci dell’occlusione e utili solo quando l’ambliopia è lieve, o instillazione di gocce, sempre nell’occhio che vede di più, di un collirio (Atropina) che ne riduce temporaneamente la vista.

Recentemente ricerche scientifiche pubblicate su importanti riviste mediche hanno dimostrato che la stimolazione di punti di agopuntura è efficace nel recupero visivo dell’occhio pigro. Tali punti sono nella pelle e gli occhi non vengono in alcun modo interessati. La loro stimolazione si può eseguire anche con luce laser a bassissima potenza e indolore, molto più gradita nei bambini piccoli ed efficace quanto l’agopuntura tradizionale.

Negli adulti è possibile recuperare solo in parte la capacità visiva con un “allenamento visivo” eseguito con il proprio computer per alcuni mesi. E’ sempre necessario eseguire prima un’attenta visita oculistica e ortottica per essere certi che il recupero visivo, anche parziale, dell’occhio ambliope non causi squilibri della visione binoculare.

Per la diagnosi di Ambliopia chiedi un appuntamento:

Nome e Cognome (richiesto)

E-mail (richiesto)

Il tuo messaggio

Accetto per continuare. Autorizzo così, ai sensi del Codice sulla Privacy, art. 13 del GDPR 2016/679, il trattamento dei miei dati.

Marzio vanzini laser Agopuntura Bologna ApriAmo gli Occhi