La topografia corneale è un esame diagnostico che permette di visualizzare nel dettaglio la cornea e le sue caratteristiche. Attraverso tale metodo, è possibile realizzare una mappatura a colori della curvatura della cornea, evidenziando eventuali anomalie. La topografia corneale viene eseguita proiettando sulla parte una serie di anelli luminosi: la riflessione viene registrata da strumenti computerizzati, che danno luogo alla visualizzazione colorata della curvatura. L’esame, dunque, è veloce, semplice ed indolore, e può essere effettuato senza l’impiego di colliri, né ulteriori accorgimenti.

A cosa serve la topografia corneale?

La topografia corneale è necessaria per i pazienti che presentano astigmatismo o cheratocono, dove la cornea assume una forma appuntita come un cono. Attraverso tale esame, è possibile valutare il percorso terapeutico e chirurgico più adeguato, a seconda della gravità della diagnosi, nonchè l’efficacia dei trattamenti in fase post-operatoria.

Presso i nostri studi oculistici di Bologna e San Giovanni P., adoperiamo le tecnologie più all’avanguardia per la topografia corneale e per numerosi esami strumentali.

La topografia corneale è un esame fondamentale nella diagnosi e nel follow up del cheratocono, nella chirurgia refrattiva, nel trapianto di cornea e in contattologia, per valutare l’effetto delle lenti a contatto sulla cornea e per la costruzione delle lenti a contatto.

Tutto ciò presuppone strumentazione idonea e all’avanguardia per migliorare la diagnosi. Gli studi del dr. Vanzini negli anni ha sempre saputo dotarsi di strumentazione adeguata alle sfide dell’innovazione per garantire ai propri clienti il meglio possibile. Il tutto unito all’esperienza del Dr. Marzio Vanzini – Medico Chirurgo Oculista – Esperto in Agopuntura di realizzare la miglior diagnosi possibile rispetto alla patologia riscontrata.

Vuoi un percorso personalizzato per i tuoi problemi di vista?

La Topografia Corneale, anche definita “mappa”, ci fornisce tramite l’ausilio di un computer una rappresentazione grafica della curvatura della cornea. Tramite la proiezione di una serie di anelli illuminati sulla superficie della cornea, che poi vengono acquisiti dallo strumento, il topografo genera una “mappa corneale”.

La mappa viene poi sottoposta a sofisticatissimi calcoli matematici e le varie analisi rivelano ogni distorsione della cornea come pure la curvatura e i meridiani dell’astigmatismo. Eseguire una Topografia Corneale è molto facile. Il medico avvicina lo strumento all’occhio ed esegue lo scatto, come per una normale fotografia. L’operazione non è assolutamente pericolosa, non provoca dolore né fastidi particolari.

Il computer elabora poi i dati trasformandoli in una mappa colorata. Colori “caldi” come rosso ed arancione indicano zone di maggior curvatura, mentre colori “freddi” come il blu rappresentano zone di minor curvatura.

Quando va eseguito l’esame per la Topografia Corneale?

  • La mappa corneale ormai è diventata uno strumento essenziale per lo studio degli astigmatismi elevati ed irregolari, per la chirurgia laser dei difetti visivi, per la diagnosi e i controlli periodici successivi del cheratocono, per i trapianti di cornea.
  • È un’esame molto utile per l’applicazione di lenti a contatto soprattutto in casi particolari.
  • È un’esame fondamentale per la diagnosi e per il monitoraggio del cheratocono.
  • Si effettua sempre nei controlli successivi ai trattamenti di cross-linking corneale.
  • È indispensabile nella diagnosi di ectasia corneale.
  • Va sempre eseguito nei trapianti di cornea.
. È importante che vengano eseguite le topografie di controllo sempre con lo stesso modello di topografo corneale
quando possibile. Sarebbe preferibile eseguire l’esame sempre con la stessa apparecchiatura, questo rende gli esami più confrontabili nel tempo proprio perchè è lo stesso apparecchio ad accompagnare le diagnosi preventive delle eventuali patologie.
Comevivere l’esame con il topografo corneale?
In serenità. Esame non invasivo. L’ apparecchiatura viene realizzata da varie ditte che producono vari modelli diversi. Tutti i modelli sono ugualmente efficaci nell’eseguire l’esame, alcuni però sono più o meno specifici per un determinato problema rispetto ad un’altro.